Crea sito

Situazione un po’ anomala quella che si sta “testando” per il territorio delle Madonie, ove i commercianti si vedono e sentono attaccati dai clienti per aver speculato e gestito male la situazione in base alle ultime condizioni di emergenza del Covid-19. Una problematica che vede tanta gente replicare l’aumento del prodotto a proposito di qualche mese addietro e approfittarsi dei clienti in un periodo non consono e non plausibile per tanti vista la situazione.

Volendo mettere in atto tale punto, non sono mancati i controlli della Guardia di Finanza e dei Carabinieri sulle Madonie e in tanti paesi si è riscontrato che tutto non corrisponde a realtà. Vi è una minima percentuale di aumento in qualche prodotto ma non dovuto al fattore di aumenti personali o speculazioni fatte per “arricchirsi” il singolo commerciante ma, un fattore dovuto alle esigenze di aumenti a monte, e dunque prodotto caro per lo stesso che, deve esporlo al pubblico…. e parliamo di 0.10–0.20 €.

Problema giustificato dal fatto che le situazioni legate al virus ha portato tanta gente ha incamerare prodotti a casa, in virtù di una situazione (speriamo inverosimile) di mancanza di alimenti ma, non causata ad una programmazione speculativa. Tanta gente che rimane a casa è portata a pensare che il prodotto mancante sugli scaffali, arriverà ad un prezzo già lievitato ma ciò, è dettato da altri fattori esterni di aumento iva,costi gestione e trasporto merci ma non dal singolo commerciante che in questo periodo è portato a quantificare e gestire tutto e tutti.

Bisogna capire e dar merito che il lavoro che stanno svolgendo al bene comune non deve essere sottovalutato o disprezzato, perché dire la propria dall’altra parte della barricata è facile, così come alimentare situazioni sui social, così come successo a Polizzi Generosa. Potrebbero giustamente stare a cassa anch’essi e gestire il tutto come fanno milioni di famiglie tra cucina, divano e tv. A volta bisogna dar merito al servizio svolto, (anche a domicilio in questo periodo) e dare un plauso a chi mantiene viva l’economia di paese, anche perché se i controlli non mancano e chi sbaglia certamente…. non la passa liscia